Il Casale di Salivento - La Storia Recente

Olio Extra Vergine d'Oliva

Olio Extra Vergine d'Oliva

certificazione



Login With Facebook

Il tuo carrello

 x 
Carrello vuoto
Il Casale di Salivento - La Storia Recente

 

Don Ciccio Cardone, come mi ha raccontato il vecchio frantoiano Sputore, che a motivo del suo lavoro era bene informato, piantò l'oliveto nel 1889. Molti degli olivi che vi si trovano furono prodotti nel vivaio che questi aveva attrezzato in prossimità di un pozzo posto sulla parte ovest della collina. Anche le numerose cultivar presenti, tra le quali alcune della piantata tipica toscana (come il moraiolo e il frantoio), si devono all'estro del pittore. Lu matte Cardone era famoso anche per non terminare mai i suoi quadri, per lasciare sempre qualcosa di incompiuto un elemento non ancora definito, sfocato, solo abozzato.

Ci furono, e ci sono ancora, anni in cui la coltivazione dell'oliveto, se non fatta  soprattutto con il proprio lavoro, non era redditizia, anzi! E così mio padre, dopo un primo tentativo con esito costoso e improduttivo, trascurò l'oliveto dedicandosi principalmente ai seminativi: più facilmente meccanizzabili. L'oliveto subi anche un incendio, di cui si vedono le tracce, nelle zone in cui le piante di olivo sono più sparse.  

La mia è stata una scommessa nel 1997, quando ho iniziato ad occuparmi personalmente della Masseria La Palombara; un oliveto di 14 ettari, che versava in uno stato di semiabbandono, e un seminativo di circa 7,5 ha.

Fin da subito ho aderito alla lotta integrata, il programma di riduzione dei trattamenti in agricoltura, e iniziato a recuperare il patrimonio olivicolo della masseria ridotto a causa dell'incendio.

Nel 2002 ho iniziato il percorso di certificazione biologica e dal 2005 l'oliveto è certificato da ICEA (ITBIO006 Operatore S726). Nel 2009 è iniziata la conversione totale dell'azienda all'agricoltura biologica e oggi produciamo tutto secondo il metodo biologico.

 

Meteo

 
Joomla 1.5 Templates by Joomlashack